Caporalato
Caporalato
Cronaca

Caporalato, in otto scelgono il patteggiamento. Lavoratori pagati 2 euro l'ora

La manodopera veniva utilizzata anche nelle campagne di Trinitapoli

Un patteggiamento a pene comprese fra i 2 anni di reclusione e i mille euro di multa per le otto persone accusate, con ruoli diversi, di aver sfruttato per anni circa 2mila braccianti agricoli, tutti italiani e in prevalenza donne.

La manodopera veniva reclutata nei territori di Mola di Bari, Noicattaro, Conversano e Rutigliano, per poi essere sfruttata in diversi campi di uva e ciliegie della regione, fino ad Andria e Trinitapoli.

Secondo le indagini della Guardia di Finanza, coordinate dalla Procura di Bari, gli imputati fino a un anno fa riducevano i braccianti in condizioni di sfruttamento, approfittando del loro stato di bisogno e indigenza. La loro forza lavoro veniva pagata circa 2,50 euro all'ora, per un turno di lavoro che durava fino a 14 ore consecutive sotto i teloni con temperature altissime e senza adeguate provviste di acqua. Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, i braccianti sfruttati erano costretti anche a restituire al caporale 2 euro per ogni giornata lavorativa.
  • Caporalato
Altri contenuti a tema
Carabinieri contro il caporalato, anche nelle campagne di Trinitapoli Carabinieri contro il caporalato, anche nelle campagne di Trinitapoli Dopo osservazioni e pedinamenti, riscontrate varie irregolarità
Carabinieri individuano presunto "caporale" che si dà alla fuga Carabinieri individuano presunto "caporale" che si dà alla fuga Due le operazioni di contrasto al caporalato tra San Marco in Lamis e Trinitapoli
© 2001-2019 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.