Trattore
Trattore
Territorio

Ok ai risarcimenti per le gelate 2018

Per danni subiti dagli agricoltori

Il Ministero delle Politiche agricole, forestali e del turismo riconosce a Trinitapoli lo stato di calamità per le avversità atmosferiche di fine febbraio 2018. Ora sarà possibile accedere al Fondo di solidarietà nazionale, a sostegno delle imprese agricole danneggiate.

La richiesta era stata avanzata per tempo al ministro Gian Marco Centinaio da parte del Comune di Trinitapoli. Mercoledì scorso, la declaratoria ufficiale dal Dicastero di Via XX Settembre.
Tutti i Comuni della Bat furono pesantemente colpiti dalle gelate tra il 26 febbraio ed il 1 marzo 2018, e oggi hanno ricevuto il via libera ministeriale per attingere agli indennizzi ed i risarcimenti previsti dal decreto legislativo 102 del 29 marzo 2004. Tra le colture più danneggiate, soprattutto le olive, con ripercussioni su produzione e mercato dell'olio, tra i prodotti principali del territorio.

«Il riconoscimento accordato per i danni prevede ora il contributo in conto capitale fino all'80% (90% per le zone svantaggiate) del danno accertato – spiega l'assessore alle Attività produttive, Antonietta de Lillo – , sulla base della produzione lorda vendibile media ordinaria, secondo i regolamenti comunitari in materia di aiuti di Stato. A margine, una serie di vantaggi finanziari e previdenziali per superare il momento negativo. Conosciamo le lungaggini della burocrazia, ma salutiamo con favore questo riconoscimento col quale diamo uno strumento in più ed un sostegno alla nostra economia, basata su duri sacrifici dei nostri imprenditori e poi sempre appesa al filo dell'imponderabile, legato alle avversità. Avremmo gradito la stessa attenzione anche dalla Regione per il problema della xylella».
    © 2001-2019 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.