De Rosa. <span>Foto Giuseppe Capacchione</span>
De Rosa. Foto Giuseppe Capacchione
Cronaca

Omicidio Capogna, spunta legame fra vittima e malavita Trinitapoli

Secondo una inchiesta della Dda di Bari

C'è un legame fra la geografia malavitosa di Trinitapoli e Vito Capogna, 66 anni, vittima questa notte di un omicidio mentre si trovata in una piazzetta all'incrocio fra via Ospedaletto e corso Europa Unita alla periferia di Andria, dove i suoi killer lo hanno freddato con un'arma da fuco. Era uno dei personaggi di spicco di una delle famiglie che gestisce i traffici illeciti sul territorio svevo.

Il legame riguardo il figlio della vittima, Pietro. Quest'ultimo, secondo quanto emerso da una inchiesta della Direzione distrettuale antimafia di Bari, doveva rimanere vittima in un agguato mortale, in realtà mai portato a termine, ideato dagli uomini di uno dei due clan di Trainitapoli, che gestiscono i traffici illeciti sul territorio casalino, perché ritenuto vicino al boss Pietro De Rosa, ucciso sotto casa da una pioggia di proiettili lo scorso 20 gennaio.
    © 2001-2019 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
    TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.