Pesce (repertorio)
Pesce (repertorio)
Territorio

"Miglio 0", Coldiretti promuove la pesca trasparente

L'80% del prodotto venduto in Italia giunge dall'estero ma spesso i consumatori non lo sanno

Il caro carburanti con il prezzo medio del gasolio - che è praticamente raddoppiato rispetto allo scorso anno - ha costretto i pescherecci italiani a navigare in perdita o a tagliare le uscite, favorendo le importazioni di pesce straniero, considerato che fino ad oltre la metà dei costi che le aziende ittiche devono sostenere è rappresentata proprio dal carburante. Lo hanno rimarcato da Coldiretti Puglia in occasione della giornata della pesca trasparente promossa dal Coldiretti Impresapesca e ministero delle politiche agricole, con l'obiettivo di far conoscere caratteristiche del pesce a miglio 0 e sostenere idonee scelte d'acquisto.

Le condizioni dei lavoratori

È senza dubbio positivo il recente rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro per gli addetti imbarcati su natanti esercenti la pesca marittima che riguarda circa 27.000 lavoratori di oltre 12.000 imbarcazioni. Il documento è stato sottoscritto da Federpesca e Coldiretti insieme a Fai-Cisl, Uila Pesca e Flai-Cgil alla vigilia della ripresa - in molte marinerie comprese quelle di Bisceglie e Margherita di Savoia - delle attività di pesca dopo il fermo obbligatorio. «Un importante segnale di responsabilità di imprese e lavoratori del settore ittico nazionale di fronte ad una emergenza mondiale in un momento di grande incertezza a livello internazionale con un aumento dei costi di produzione, in particolare il gasolio, insostenibili ed un'inflazione che si avvicina alle due cifre e che pesa in maniera importante sulle famiglie e sui lavoratori» hanno sostenuto da Coldiretti Impresapesca.

L'effetto dell'incremento del prezzo medio del gasolio si è abbattuto come una tempesta sull'attività dei pescherecci già duramente colpiti dalla riduzione delle giornate di pesca. Fino ad oltre la metà dei costi che le aziende ittiche devono sostenere è rappresentata proprio dal carburante. «Con gli attuali ricavi la maggior parte delle imprese di pesca non riesce a coprire nemmeno i costi energetici oltre alle altre voci che gli armatori devono sostenere per la normale attività. Di questo passo uscire in mare non sarà economicamente sostenibile» hanno aggiunto da Coldiretti.

Le statistiche

Quasi 8 pesci su 10 che arrivano sulle tavole sono stranieri spesso senza che i consumatori lo sappiano, soprattutto a causa della mancanza dell'obbligo dell'indicazione di origine sui piatti consumati al ristorante che consente di spacciare per nostrani prodotti provenienti dall'estero che hanno meno garanzie rispetto a quello Made in Italy.

Gli effetti combinati dei cambiamenti climatici, delle importazioni selvagge di prodotto straniero e di una burocrazia sempre più asfissiante impattano sulla sopravvivenza delle 1.500 imbarcazioni pugliesi ma anche sulla salute dei cittadini poiché con la riduzione delle attività di pesca viene meno anche la possibilità di portare in tavola pesce Made in Italy, favorendo le importazioni dall'estero di prodotti ittici che non hanno le stesse garanzie di sicurezza di quelle tricolori.

Nei mari italiani si pescano ogni anno circa 180 milioni di chili di pesce cui vanno aggiunti gli oltre 140 milioni di kg prodotti in acquacoltura mentre le importazioni dall'estero hanno ormai superato il miliardo di chili. Una situazione che lascia spazio agli inganni dal pangasio del Mekong venduto come cernia al filetto di brosme spacciato per baccalà, fino all'halibut o la lenguata senegalese commercializzati come sogliola. Una frode in agguato sui banchi di vendita in Italia e soprattutto nella ristorazione dove non è obbligatorio indicare la provenienza. Tra i trucchi nel piatto più diffusi in Italia ci sono anche il polpo del Vietnam spacciato per nostrano, lo squalo smeriglio venduto come pesce spada, il pesce ghiaccio al posto del bianchetto, il pagro invece del dentice rosa o le vongole turche e i gamberetti targati Cina, Argentina o Vietnam, dove peraltro è permesso un trattamento con antibiotici che in Europa sono vietatissime in quanto pericolosi per la salute.

Un rischio confermato dai dati del Rassf, il sistema europeo di allerta rapido che, su un totale di 399 allarmi alimentari segnalati nel 2018 nel nostro Paese, ha visto ben 154 casi riguardare proprio il pesce (101) e i molluschi bivalvi (53), ovvero circa il 40% del totale secondo un'analisi Coldiretti. «In testa alla black list ci sono le importazioni dalla Spagna da cui sono arrivati ben 51 allarmi, dal pesce con presenza eccessiva di metalli pesanti come il mercurio o contaminato con il parassita Anisakis ai molluschi infettati da escherichia coli e Salmonella, fino al cadmio nei cefalopodi come seppie e calamari. Al secondo posto si piazzano gli arrivi dalla Francia con 39 casi, di cui ben 26 riguardanti la presenza del batterio Norovirus nelle ostriche, ma anche dell'Anisakis nel pesce e dei crostaci con solfiti, mentre al terzo c'è l'Olanda, anche qui con pesce all'Anisakis e Norovirus sui molluschi» hanno spiegato da Codliretti.


La crisi del comparto ittico in Puglia

E intanto la flotta peschereccia pugliese ha perso oltre 1/3 delle imprese e 18.000 posti di lavoro, con un contestuale aumento delle importazioni dal 27% al 33%. Di assoluto rilievo i numeri del settore in Puglia, segnala Coldiretti, il cui valore economico è pari all'1% del Pil pugliese e arriva fino al 3,5% se si considera l'intero indotto, conta 1500 imbarcazioni, 5000 addetti, 10 impianti di acquacoltura e mitilicoltura.

«Una crisi quella del settore ittico, che si trascina da 30 anni – hanno rilevato Coldiretti Puglia – in un mercato, quello del consumo del pesce, che aumenta, ma sempre più in mano alle importazioni. La produzione ittica derivante dall'attività della pesca è da anni in calo e quella dell'acquacoltura resta stabile, non riuscendo a compensare i vuoti di mercato creati dell'attività tradizionale di cattura. Una rinascita che passa per il mercato e sulla quale Coldiretti sta cercando di impegnarsi a fondo, facendo partire iniziative nei Mercati di Campagna Amica che hanno come obiettivo la vendita diretta, la semplificazione e la tracciabilità».

Il consiglio di Coldiretti Impresapesca è di verificare sul bancone l'etichetta, che per legge deve prevedere l'area di pesca (Gsa). Le provenienze da preferire sono quelle dalle Gsa 9 (Mar Ligure e Tirreno), 10 (Tirreno centro meridionale), 11 (mari di Sardegna), 16 (coste meridionali della Sicilia), 17 (Adriatico settentrionale), 18 (Adriatico meridionale), 19 (Jonio occidentale), oltre che dalle attigue 7 (Golfo del Leon), 8 (Corsica) e 15 (Malta). Per quanto riguarda il pesce congelato c'è l'obbligo di indicare la data di congelamento e nel caso di prodotti ittici congelati prima della vendita e successivamente venduti decongelati, la denominazione dell'alimento è accompagnata dalla designazione "decongelato".
  • coldiretti puglia
  • Coldiretti
  • pesca
Altri contenuti a tema
Crisi, Coldiretti chiede carburante agricolo agevolato con procedure semplificate Crisi, Coldiretti chiede carburante agricolo agevolato con procedure semplificate «Occorre concedere un anticipo del 50% della quantità ricevuta nel 2022»
Influenza, superato il picco in Puglia Influenza, superato il picco in Puglia I consigli di Coldiretti per combattere i malanni stagionali anche a tavola
Temperature anomale, triplicato il numero dei cormorani Temperature anomale, triplicato il numero dei cormorani L'analisi di Coldiretti sugli effetti della presenza massiccia degli uccelli che mettono a repentaglio la conservazione della fauna ittica
Sos nelle stalle, prezzo del foraggio schizzato: 27 euro a quintale Sos nelle stalle, prezzo del foraggio schizzato: 27 euro a quintale La siccità ha fatto crollare la produzione del mangime per gli animali di oltre il 40%
Coldiretti plaude al riconoscimento dello stato di calamità naturale in Puglia Coldiretti plaude al riconoscimento dello stato di calamità naturale in Puglia Nonostante sia la regione meno piovosa d'Italia si registra una dispersione di addirittura l'89% dell'acqua piovana
Ponte dell'Epifania, i pugliesi scelgono anche l'agriturismo Ponte dell'Epifania, i pugliesi scelgono anche l'agriturismo Oltre 5.000 ospiti nelle strutture rimaste aperte
Nei campi bisogna vendere 7 kg di carciofi per comprare un caffè Nei campi bisogna vendere 7 kg di carciofi per comprare un caffè I dati di Coldiretti: vola anche il prezzo dell'insalata
Gli avanzi delle feste tornano in tavola Gli avanzi delle feste tornano in tavola Analisi Coldiretti sugli sprechi: nel 42% dei casi buttato cibo già cotto, nel 27% frutta e verdura e nel 4% il pane
© 2001-2023 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.