Agricoltura
Agricoltura
Attualità

Vendemmia Bari-Bat. Cia Levante: “Peggiore annata degli ultimi 40 anni”

Crollano le quantità ma non la qualità, aziende in crisi per costi di produzione e scarsità di manodopera

In ritardo, ma pronti al via: nell'Area Metropolitana di Bari e nella provincia Barletta-Andria-Trani la stagione della vendemmia è finalmente iniziata. "Secondo le nostre stime, nel Barese e nella Bat avremo un calo di circa il 50-60% a causa dei danni da peronospora, con una resa alla vinificazione che si attesterà intorno al 55-60% rispetto alle medie del 70-75% delle annate normali", spiega Gennaro Sicolo, presidente di CIA Puglia e vicepresidente nazionale di CIA Agricoltori Italiani.
"Pioggia e freddo primaverili hanno lasciato il segno, tanto che il 2023 purtroppo sarà un Annus Horribilis per la vitivinicoltura pugliese e per quella barese in particolare", dichiara Giuseppe De Noia, presidente di CIA Levante (Bari-Bat).

Uva bio

Sofferenze produttive ancor più rilevanti per la produzione ottenuta seguendo il metodo biologico, che ha patito maggiormente le condizioni avverse di questa annata, con perdite medie anche oltre il 70% al Sud. Basti pensare che, in soli 7 giorni, nel periodo di massima piovosità, sull'intera area del Barese e della BAT si sono abbattuti 2 tornado e 8 bombe d'acqua, oltre ai nubifragi che hanno investito città e campagne con allagamenti, frane e danni. Da un'analisi effettuata attraverso i bollettini pluviometrici forniti dalla Regione Puglia, si rileva che nell'area Metropolitana di Bari e nella Provincia BAT nel mese di maggio 2023 si è toccato il picco di 16 giorni di pioggia, con una piovosità massima mensile di 198,2 mm, come nel caso dell'agro di Santeramo, mentre solo nella prima metà di giugno 2023 si sono verificati 10 giorni piovosi con una piovosità massima di 186,0 mm, come nel comune di Minervino Murge. Confrontando i dati del 2022 afferenti allo stesso periodo, si riscontra un massimo di 5 giorni piovosi e 60 mm di pioggia per il mese di maggio e 4 giorni piovosi e all'incirca 35 mm di pioggia in tutto il mese di giugno 2022.

VItivinicolo in ginocchio

Il settore vitivinicolo è stato messo in ginocchio dagli effetti della peronospora, causati dai cambiamenti climatici e da una eccezionale piovosità, con precipitazioni intense, violente e continue. Le persistenti e incessanti piogge alluvionali se, da un lato, hanno favorito lo sviluppo delle spore fungine aprendo la strada alla diffusione della peronospora grazie all'altissimo tasso di umidità, dall'altro lato hanno reso impraticabili le aree rurali impedendo l'accesso alle aziende agricole con mezzi adeguati al fine di poter eseguire gli interventi fitosanitari a difesa dei vigneti. I soli territori dei comuni dell'area della Città Metropolitana di Bari e della provincia Bat, investiti da tali eventi climatici, rappresentano una superfice di uva da vino pari a 22.800 ettari, pari al circa il 25% della superficie vitivinicola pugliese. Anche laddove è stato possibile intervenire, i trattamenti sono stati resi vani dalla incessante ricorrenza delle precipitazioni che, come già evidenziato, si sono verificate con una cadenza quasi quotidiana, con altrettante infezioni giornaliere durate quasi due mesi.

Scarsa quantitá, buona qualitá

Nei prossimi giorni si inizierà dapprima con la vendemmia delle uve delle varietà Sangiovese, Primitivo, Moscato, poi via via con le cultivar più tardive. La vendemmia sarà caratterizzata da un mercato sostenuto e da un prodotto di buona qualità, nonostante dai primi campionamenti si rilevi una gradazione zuccherina abbastanza bassa. A tal proposito, molto dipenderà dall'evoluzione delle temperature e delle precipitazioni nelle prossime settimane, che di fatto potranno incidere positivamente o meno nel definire la qualità delle produzioni vitivinicole. I dati relativi alla vendemmia 2023 sono in continua evoluzione e, per delineare una base certa, bisognerà attendere le prossime settimane, che di fatto vedranno la maggior parte delle cantine in lavorazione e l'avvio della campagna vitivinicola vera e propria. Le prime stime sembrano delineare una delle vendemmie più difficili degli ultimi 40 anni, a causa del maltempo e delle difficoltà a trovare personale. Disagi a cui si aggiungono l'inasprimento sconsiderato dei costi di produzione, con il consueto e insostenibile aumento del prezzo del carburante, che incide particolarmente sui costi di trasporto delle uve verso le cantine, criticità produttive che poi non vengono compensate dal riconoscimento ai produttori un prezzo giusto e adeguato. Pertanto, la campagna vitivinicola 2023 pare irrimediabilmente compromessa, sotto molteplici e differenti aspetti.
  • agricoltura
Altri contenuti a tema
Trattori e rivendicazioni, la protesta degli agricoltori giunge a Trinitapoli Trattori e rivendicazioni, la protesta degli agricoltori giunge a Trinitapoli Il grido del settore primario e le principali tematiche al centro della mobilitazione
Agricoltura, la Puglia in un anno ha perso 2.233 imprese Agricoltura, la Puglia in un anno ha perso 2.233 imprese Meno lavoratori anche nelle aziende agricole di Trinitapoli
Coldiretti Puglia, nel 2023 l'agroalimentare guadagna valore Coldiretti Puglia, nel 2023 l'agroalimentare guadagna valore Bilancio positivo nonostante le minacce del clima, degli insetti e dei virus
Grande caldo in Puglia, ordinanza della Regione per i lavori in agricoltura Grande caldo in Puglia, ordinanza della Regione per i lavori in agricoltura Il presidente Emiliano ha firmato il provvedimento: ecco i dettagli
Pioggia martellante, Cia: «Situazione critica in tutta la Puglia» Pioggia martellante, Cia: «Situazione critica in tutta la Puglia» Sicolo: «Zone rurali trasformate in un pantano di fango»
Documentario in ricordo della grande mobilitazione bracciantile del 1969 Documentario in ricordo della grande mobilitazione bracciantile del 1969 La proiezione nel salone della Camera del lavoro Cgil
Il consiglio regionale approva una mozione contro gli alimenti "Frankenstein" Il consiglio regionale approva una mozione contro gli alimenti "Frankenstein" Coldiretti: «Raccolte già 40 mila firme in Puglia»
17.5 milioni per il riammodernamento della viabilità rurale in Puglia 17.5 milioni per il riammodernamento della viabilità rurale in Puglia L'assessore regionale Pentassuglia: «Un'opportunità che i comuni devono sfuttare»
© 2001-2024 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.