Pasquale Lamacchia
Pasquale Lamacchia
Politica

«Complotti? Propaganda per creare conflitti», interviene l'ex consigliere Lamacchia

La nota dopo il giudizio della Corte d'Appello di Bari sull'incandidabilità di Iannella e di Feo

«La sentenza della Corte di Appello di Bari sull'incandidabilità della dott.ssa Maria Grazia Iannella e del dott. Roberto di Feo hanno scosso particolarmente tutta la comunità. Sono state dette molte cose a riguardo ma c'è una in particolare su cui mi soffermerei e cioè le cause individuate dalla DIA nella relazione semestrale al Parlamento del periodo Gennaio – Giugno 2022». Sono le dichiarazioni dell'avvocato Pasquale Lamacchia, ex consigliere comunale.

«Il 5 Aprile 2022 il Presidente della Repubblica, il massimo organo istituzionale dello Stato, disponeva lo scioglimento del Consiglio Comunale di Trinitapoli e per la DIA rappresenta "la risposta più efficace delle Istituzioni contro ogni tentativo di commistione tra business criminali e deviati interessi politico-amministrativi che favoriscono la vocazione affaristico-imprenditoriale dei locali sodalizi mafiosi. Per quanto riguarda, in particolare, lo scioglimento del citato ente territoriale è emerso come la pressione intimidatoria esercitata dalla criminalità organizzata abbia inibito la regolare attività amministrativa e investito anche la tecnostruttura del Comune che sarebbe talvolta risultata disponibile a comportamenti omissivi o contra legem".

La Fabbrica del Futuro, formazione politica dell'ex Sindaco Francesco Di Feo, ritiene che ci sono complotti o teoremi e denunce anonime che hanno portato a questa sentenza i nostri ex rappresentanti al comune. In realtà è facile capire perché invece si è arrivati a questo esito.

La teoria dei complotti o delle denunce anonime è alla base di una propaganda forte ed efficace per creare conflitti tra cittadini e aumentare la polarizzazione delle posizioni perché di fatto equivale a smentire e sminuire il lavoro svolto dalla DIA e dalla Prefettura.

Non è utile per la nostra comunità giustificare tutto quello che è successo esclusivamente con questi ragionamenti.

L'unica parola con cui riassumere il contenuto della relazione presentata dalla DIA al Parlamento è "corruzione": una parola che rappresenta un tabù per i contesti sociali e politici del nostro paese.

È un dato di fatto che il richiamo alle denunce anonime, da un lato, o al comportamento indegno e diffamatorio avvenuto durante la campagna elettorale del 2020, dall'altro, non giustificano il quadro delineato dalla DIA, che parla principalmente di corruzione, per cui non c'è stata mai nessuna battaglia politica.

Bisogna credere nella giustizia pienamente, non solo quando fa comodo, perché non ha ragione chi dice che lo scioglimento è stato causato per colpa dell'opposizione e neanche chi dice che è stata determinante la propria attività politica.

Questi slogan sono efficaci ma banalizzanti e ci impediscono di analizzare le cause in modo razionale. È noto a tutti che la corruzione rende permeabile il comune alle infiltrazioni della criminalità. Di questo i cittadini ne sono consapevoli già prima delle indagini della DIA e lo scioglimento del consiglio comunale rappresenta una pagina storica e indelebile per il comune di Trinitapoli. Davanti ad una situazione del genere non si può parlare esclusivamente di complotti perché è ridicolo.

Il giudizio della Corte d'Appello di Bari sull'incandidabilità degli ex amministratori, soggetta comunque al terzo grado di giudizio, non può meravigliarci perché è il minimo che poteva succedere».
  • Politica
  • Pasquale Lamacchia
Altri contenuti a tema
Installati gazebo e panche per l'attesa vicino ai camper di Poste Italiane Installati gazebo e panche per l'attesa vicino ai camper di Poste Italiane Il sindaco di Feo: "I bisogni dei cittadini sempre al primo posto"
Le riflessioni dell'opposizione dopo il voto a Trinitapoli Le riflessioni dell'opposizione dopo il voto a Trinitapoli Le dichiarazioni di Losapio, Tarantino e Marchio Rossi
Pasquale Lamacchia (M5S): «Il nostro gruppo ha fatto tutto il possibile» Pasquale Lamacchia (M5S): «Il nostro gruppo ha fatto tutto il possibile» Le impressioni a caldo della coalizione a sostegno di Annamaria Tarantino
Trinitapoli, dopo la lista degli impresentabili Losapio rilancia: «Andiamo avanti per governare 5 anni» Trinitapoli, dopo la lista degli impresentabili Losapio rilancia: «Andiamo avanti per governare 5 anni» Nessun ritiro della lista “Siamo Trinitapoli”
Corruzione elettorale, indagata Anita Maurodinoia: si è dimessa dall'incarico regionale Corruzione elettorale, indagata Anita Maurodinoia: si è dimessa dall'incarico regionale Emiliano ha accettato la decisione dell'ex assessore ai Trasporti
Si inaugura domani sera la sede del movimento “SìAmo Trinitapoli” Si inaugura domani sera la sede del movimento “SìAmo Trinitapoli” La nota del movimento civico
"Perchè Trinitapoli non meritava lo scioglimento": domani l'incontro "Perchè Trinitapoli non meritava lo scioglimento": domani l'incontro L'appuntamento è nell'auditorium dell'Assunta alle 18:30
Noi Moderati Trinitapoli: la commissaria è Maria Teresa Salerno Noi Moderati Trinitapoli: la commissaria è Maria Teresa Salerno Nominati anche i coordinatori di Barletta e di Trani
© 2001-2024 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.