Incontro sulla nutrizione parenterale
Incontro sulla nutrizione parenterale
Attualità

Nutrizione parenterale domiciliare, incontro promosso dall'Asl Bt

L'obiettivo è un maggiore riconoscimento della patologia di insufficienza intestinale cronica benigna

Sabato scorso si è tenuto un incontro organizzato dall'unità operativa di gastroenterologia dell'ospedale di Barletta, diretta dal professor Francesco William Guglielmi, con l'associazione nazionale dei pazienti con intestino Corto "Un filo per la vita" e i pazienti affetti da insufficienza intestinale cronica benigna in trattamento di nutrizione parenterale domiciliare.

L'incontro si è svolto nella sala conferenze del Polo Universitario del "Dimiccoli" con la partecipazione di 50 pazienti in trattamento e dei loro caregivers.

La nutrizione parenterale domiciliare è un trattamento "salvavita" sostitutivo della funzione intestinale che consente l'infusione endovenosa delle soluzioni nutrizionali al domicilio del paziente consentendogli il ritorno ad una vita sociale, lavorativa o di studi pressoché normale. Questo trattamento è prescritto, avviato e seguito in follow up nella gastroenterologia di Barletta, centro di riferimento della nutrizione artificiale domiciliare per il sud Italia dal 2007. A tutt'oggi presso il nostro ambulatorio sono stati presi in carico 263 pazienti con insufficienza intestinale cronica benigna e 248 pazienti oncologici, sotto la guida attenta e competente della dottoressa Nunzia Regano.

L'obiettivo dell'incontro è stato quello di condividere i vissuti dei pazienti appena arruolati con quelli in trattamento da 28-30 anni per abbattere le paure e limiti ed esaltare vantaggi e possibilità offerte da questa terapia. Il commento positivo di tutti i malati testimonia l'utilità dell'incontro che è servito a togliere dall'isolamento ogni singolo paziente riportandolo in un contesto unitario di condivisione dei percorsi diagnostici e preventivi delle complicanze. L'associazione "Un filo per la vita" è impegnata nel percorso per il riconoscimento a livello ministeriale della insufficienza intestinale cronica benigna tra le malattie rare con l'inserimento della nutrizione parenterale domiciliare tra le prestazioni riconosciute nei livelli minimi di assistenza.
  • asl bt
Altri contenuti a tema
La prima risonanza magnetica 3 Tesla di Puglia all'ospedale di Barletta La prima risonanza magnetica 3 Tesla di Puglia all'ospedale di Barletta L'apparecchiatura sarà al servizio dell'utenza di tutto il territorio della Bat
Sanità, lunedì s'inaugura la nuova ala del pronto soccorso di Barletta Sanità, lunedì s'inaugura la nuova ala del pronto soccorso di Barletta Sarà dotata in tutto di 16 posti letto
Sanità, riattivato il reparto di rianimazione dell'ospedale di Barletta Sanità, riattivato il reparto di rianimazione dell'ospedale di Barletta L'unità operativa era stata chiusa in settembre a causa dell'incendio divampato dall'esterno della struttura
È andriese il primo nato dell'anno negli ospedali della Bat È andriese il primo nato dell'anno negli ospedali della Bat A Barletta è invece venuta alla luce la piccola Dalila, per la gioia di mamma Alessandra residente a Trinitapoli
Donazione organi e tessuti, bilancio positivo nell'Asl Bt Donazione organi e tessuti, bilancio positivo nell'Asl Bt Dimatteo: «2022 molto significativo. Grazie a tutti coloro che hanno scelto la vita»
Asl Bt, 558 gli idonei al concorso per collaboratori amministrativi Asl Bt, 558 gli idonei al concorso per collaboratori amministrativi Dimatteo: «Siamo molto soddisfatti»
L'Asl Bt stabilizza 352 dipendenti L'Asl Bt stabilizza 352 dipendenti Il direttore generale Dimatteo: «Abbiamo raggiunto diversi obiettivi»
Asl Bt, consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica Asl Bt, consegnate le onorificenze al Merito della Repubblica Il direttore generale Dimatteo: «Orgogliosi di questo importante riconoscimento»
© 2001-2023 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.