sequestro giocattoli finanza barletta j
sequestro giocattoli finanza barletta j
Cronaca

Giocattoli non a norma venduti davanti alle scuole, sequestrati 5000 prodotti nella Bat

Interviene la Guardia di Finanza che lancia un appello: «Segnalate, anche in forma anonima, episodi simili»

Si appostano all'esterno di alcune scuole con degli anonimi "volantini" in cui si pubblicizza la vendita di giocattoli: i destinatari sono i bambini che, allettati da questi novelli "mangiafuoco", implorano i genitori fino all'acquisto del giocattolino apparentemente innocuo. Il meccanismo è stato segnalato e documentato nelle città di Barletta e di Andria.

Il comando provinciale di Barletta della Guardia di Finanza ha dato esecuzione a un sequestro amministrativo di oltre 5000 prodotti tra giocattoli, gadget per bambini e materiale elettrico come lampadine per la casa e piccole minuzie per le riparazioni fai da te. Fondamentali per la riuscita di questo intervento - che rappresenta solo la punta dell'iceberg di un fenomeno che si estenderebbe anche alle città limitrofe della Bat - le segnalazioni dei genitori e dei dirigenti scolastici.

In sintesi, questi soggetti si posizionano al di fuori delle scuole distribuendo dei "volantini" con cui si pubblicizzano piccoli giocattoli e chincaglie dal prezzo "conveniente", chiedendo ai bambini di conservare il tagliando del giocattolo desiderato e di presentarsi il giorno dopo - sempre davanti alla scuola - con il pagamento per la consegna dell'oggetto. L'attività è stata accuratamente monitorata dai finanzieri, con appostamenti all'esterno delle scuole eseguiti in modo discreto per non traumatizzare i piccoli. I bersagli infatti sono i bambini delle scuole d'infanzia e delle elementari.
volantini jsequestro giocattoli finanza barletta jsequestro giocattoli finanza barletta jvolantini j
Si configurano illeciti di natura amministrativa come quelli in merito alla sicurezza prodotti, dato che tutti gli oggetti sequestrati non rispettano i requisiti minimi di sicurezza e spesso riportano l'ingannevole marchio C-E (China Export), diverso da quello obbligatorio per legge che indica la conformità europea, e quello dell'abusivismo commerciale, visto che la vendita avviene in modo non autorizzato e con pagamenti "a nero". Il comando provinciale della Guardia di Finanza ha operato in sinergia con la Camera di commercio di Bari e con la collaborazione attiva della Polizia locale di Barletta e di Andria, giungendo al maxi sequestro.

Infine, le Fiamme Gialle hanno lanciato un appello a segnalare situazioni analoghe, anche in forma anonima, contattando direttamente il numero 117.
  • Guardia di Finanza
Altri contenuti a tema
Essere donna in divisa: intervista alle donne del comando provinciale BAT Guardia di Finanza Essere donna in divisa: intervista alle donne del comando provinciale BAT Guardia di Finanza Il lato “rosa” delle Fiamme Gialle, tra sacrifici e abnegazione: approfondimento del Viva Network per l’8 marzo
Blitz della Guardia di Finanza nella Bat contro la pirateria televisiva Blitz della Guardia di Finanza nella Bat contro la pirateria televisiva In corso l'identificazione degli utenti complici della maxi-operazione "anti-pezzotto"
La Guardia di Finanza festeggia San Matteo: oggi la cerimonia a Barletta La Guardia di Finanza festeggia San Matteo: oggi la cerimonia a Barletta Il comandante provinciale Bat Pierluca Cassano: «Sul territorio fondamentale la collaborazione dei cittadini»
Guardia di Finanza, il bilancio operativo nella Bat da gennaio 2022 a maggio 2023 Guardia di Finanza, il bilancio operativo nella Bat da gennaio 2022 a maggio 2023 L'impegno del Comando provinciale delle Fiamme Gialle
Omicidio Ciociola, per gli inquirenti il responsabile è Rendina Omicidio Ciociola, per gli inquirenti il responsabile è Rendina Il 45enne trinitapolese è già in carcere con l'accusa di aver assassinato altre due persone
Sequestrati 880.000 prodotti potenzialmente pericolosi per la salute Sequestrati 880.000 prodotti potenzialmente pericolosi per la salute Calzature, articoli di pelletteria e abbigliamento erano privi di alcune informazioni indispensabili per il consumatore
La Finanza scopre 16 lavoratori in nero nella Bat, controlli anche a Trinitapoli La Finanza scopre 16 lavoratori in nero nella Bat, controlli anche a Trinitapoli Tre di essi percepivano il reddito di cittadinanza
Banconote false, raffica di sequestri in tutta la Bat Banconote false, raffica di sequestri in tutta la Bat Il resoconto dell'attività della Guardia di finanza nell'ultimo anno
© 2001-2024 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.