Matteo Messina Denaro
Matteo Messina Denaro
Cronaca

Matteo Messina Denaro arrestato dai Ros in una clinica di Palermo

Si è conclusa, dopo 30 anni, la latitanza del temuto boss mafioso

È stato arrestato nella mattinata di lunedì 16 gennaio dal Raggruppamento operativo speciale dei Carabinieri, in una clinica privata di Palermo, Matteo Messina Denaro, l'ultimo dei padrini della mafia.

Era latitante da 30 anni ed era braccato da tempo. Si trovava nel bar di una clinica privata del capoluogo regionale siciliano per un trattamento chemioterapico. Era braccato dagli inquirenti da tempo e aveva goduto, evidentemente, di una rete d'appoggio notevole.

L'inchiesta è stata coordinata dal procuratore di Palermo, Maurizio de Lucia, e dal procuratore aggiunto Paolo Guido. Il boss arrestato è stato scortato verso la Stazione dei Carabinieri di San Lorenzo.

«Una grande vittoria dello Stato che dimostra di non arrendersi di fronte alla mafia» ha commentato il presidente del consiglio Giorgia Meloni. «All'indomani dell'anniversario dell'arresto di Totò Riina, un altro capo della criminalità organizzata è stato assicurato alla giustizia».
  • Criminalità
  • Mafia
  • Matteo Messina Denaro
Altri contenuti a tema
Questura Bat, i risultati operativi del 2022 Questura Bat, i risultati operativi del 2022 Circa 850 le denunce presentate nell'anno solare, 150 le autovetture rubate che la Polizia di Stato ha ritrovato e restituito ai legittimi proprietari
Nasce in Prefettura un osservatorio sulle tensioni economico-sociali Nasce in Prefettura un osservatorio sulle tensioni economico-sociali Sarà formalmente istituito nelle prossime settimane
Contrasto alle infiltrazioni criminali nelle grandi opere, incontro in Prefettura Contrasto alle infiltrazioni criminali nelle grandi opere, incontro in Prefettura Giornata promossa con l'obiettivo di rafforzare il monitoraggio antimafia nel settore delle infrastrutture
Boccia: «Uniamo le forze per sconfiggere criminalità e baby gang» Boccia: «Uniamo le forze per sconfiggere criminalità e baby gang» Le parole del senatore biscegliese a margine dell'incontro con il Prefetto Riflesso
Omicidio Carbone, confermato in appello l'ergastolo a Campanella Omicidio Carbone, confermato in appello l'ergastolo a Campanella Il 35enne è ritenuto uno dei due responsabili dell'esecuzione per strada del boss di un clan nemico
Trinitapoli nella tenaglia fra la criminalità del territorio e le mire dei clan baresi e foggiani Trinitapoli nella tenaglia fra la criminalità del territorio e le mire dei clan baresi e foggiani È quanto emerge dalla relazione sull'attività svolta dalla Direzione investigativa antimafia nel secondo semestre 2021
Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Clan aperturisti e tolleranti» Mafie nella Bat, il procuratore Nitti: «Clan aperturisti e tolleranti» «Non c'è controllo esclusivo del territorio»
9 Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale» Renato Nitti: «Bat nella prima fascia per presenza criminale» L'allarme lanciato dal Procuratore della Repubblica di Trani
© 2001-2023 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.