Comitato Trinitapoli JPG
Comitato Trinitapoli JPG
Cronaca

Omicidio Lafranceschina, il Prefetto: «Episodio gravissimo, più forze dell'ordine sul territorio»

Tenuto un vertice per la sicurezza nel comune di Trinitapoli

Un immediato potenziamento delle attività di vigilanza e controllo del territorio attraverso servizi straordinari a cura di Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza. È quanto emerso dal vertice tenuto questa mattina nel comune di Trinitapoli dal prefetto della provincia di Barletta-Andria-Trani, Maurizio Valiante, il sindaco Francesco di Feo e i rappresentanti delle forze dell'ordine, all'indomani dell'omicidio del 43enne casalino Giuseppe Lafranceschina. La vittima, lo ricordiamo, era affiliato al clan Carbone - Gallone in quanto cugino di primo grado del boss Giuseppe Gallone. È stato freddato ieri pomeriggio in via Mulini, una traversa del corso principale di Trinitapoli. Ignoti hanno esploso almeno due colpi di arma da fuoco, colpendolo in pieno volto, da un'Alfa Romeo Giulietta che si è affiancata a Lafranceschina mentre era a bordo di una bicicletta a pedalata assistita. Le indagini sono coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari.

«Si tratta di un episodio gravissimo, rispetto al quale non poteva tardare la risposta dello Stato - ha affermato il Prefetto -. Abbiamo subito disposto l'intensificazione delle attività di vigilanza e controllo delle Forze di Polizia sul territorio per assicurare un presidio capillare sul territorio comunale e in quello limitrofo, anche per prevenire il rischio di recrudescenza dei reati. Voglio comunque precisare che in questo contesto un ruolo decisivo dovranno rivestirlo l'Amministrazione comunale e tutte le componenti sociali, attraverso un percorso costante di sensibilizzazione culturale nei confronti dei cittadini, improntato sui valori della legalità e della collaborazione con le forze dell'ordine. Proprio in questa direzione, la Prefettura ha promosso i Patti per la Sicurezza Urbana, in corso di definizione, che rappresenteranno un ulteriore esempio tangibile di vicinanza dello Stato alla comunità».
  • Mafia
Altri contenuti a tema
Il sindaco Losapio ricorda il Generale Dalla Chiesa Il sindaco Losapio ricorda il Generale Dalla Chiesa Trentanove anni fa la strage di via Carini
Trinitapoli omaggia le vittime di mafia in Piazza Santo Stefano Trinitapoli omaggia le vittime di mafia in Piazza Santo Stefano Oggi la presentazione del calendario di eventi dell'estate trinitapolese
Barone (M5S). «Istituiamo la commissione di inchiesta sulla mafia in Puglia» Barone (M5S). «Istituiamo la commissione di inchiesta sulla mafia in Puglia» La consigliera pentastellata aveva presieduto già la commissione nella scorsa legislatura
Trasporto pubblico locale a regime in Puglia ma con mascherina a bordo Trasporto pubblico locale a regime in Puglia ma con mascherina a bordo Michele Emiliano firma ordinanza con le nuove misure in vigore dal 1° luglio
Omicidio Lafranceschina, effettuato lo stub su esponenti del clan De Rosa - Miccoli Omicidio Lafranceschina, effettuato lo stub su esponenti del clan De Rosa - Miccoli Effettuate anche diverse perquisizioni
Territorio Ofantino, una guerra di mafia lunga 17 anni ricostruita nel dettaglio Territorio Ofantino, una guerra di mafia lunga 17 anni ricostruita nel dettaglio Dal 2003 sono otto i morti e altrettanti i tentati omicidi
Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo 2020/21 Fornitura gratuita o semigratuita libri di testo 2020/21 In allegato l'avviso del Comune
Una guerra di mafia lunga 17 anni ricostruita passo dopo passo Una guerra di mafia lunga 17 anni ricostruita passo dopo passo Dal 2003 si registrano 7 morti e 8 tentati omicidi fra Trinitapoli e San Ferdinando di Puglia
© 2001-2021 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.