Allevamento suino (repertorio)
Allevamento suino (repertorio)
Politica

Pesca, allevamento e peste suina: la Lega chiede misure straordinarie

Rocco Prete, responsabile regionale del Dipartimento caccia e pesca del Carroccio, avverte sul rischio in arrivo

Gli europarlamentari della Lega hanno presentato un'interrogazione alla Commissione europea per conoscere l'intenzione o meno di intraprendere misure economiche straordinarie di supporto per i Paesi colpiti dell'epidemia di peste suina africana, in riferimento alla situazione epidemiologica che sta riguardando l'Italia, con l'attuale coinvolgimento di tre regioni e che sta mettendo in ginocchio l'economia di interi territori a causa del blocco delle importazioni da parte di alcuni Stati. Un tema divenuto di stretta attualità in questi ultimi giorni.

Con danni stimati per l'export per circa 20 milioni di euro al mese, centinaia di aziende del comparto suinicolo sarebbero a rischio chiusura, mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro. «Sono 50 mila i dipendenti in Italia dell'intera filiera suinicola e 21 le Dop ricomprese nelle produzioni simbolo della salumeria italiana esposte a rischio» ha affermato Marco Dreosto mentre Massimo Casanova ha sottolineato: «Se il comparto dovesse crollare, al nostro Paese servirebbero oltre 11 miliardi di euro tra valore della produzione agricola e fatturato industriale, ai quali si aggiungerebbero ulteriori costi indiretti lungo la filiera come la perdita di quasi 2.5 miliardi di euro legati alla produzione di mangimi».

A lanciare l'allarme per la Puglia è il biscegliese Rocco Prete, responsabile regionale del Dipartimento caccia e pesca della Lega, che ha segnalato come la situazione, già drammatica in Puglia, potrebbe peggiorare, esprimendo vicinanza agli operatori del settore, già particolarmente vessato dalla situazione economica.

Riguardo la pesca, con un'interrogazione alla Commissione Ue, la Lega aveva chiesto sostegno straordinario al settore alle prese con il caro-carburante, tra cui aumento delle flessibilità delle quote e misure aggiuntive quali aiuti di Stato, riduzione oneri sociali, sospensione delle tasse e proroga prestiti Covid. «Nonostante segnali positivi, purtroppo dal commissario Sinkevicius è giunta risposta negativa alla richiesta sull'aumento delle quote anno per anno, inspiegabile dal momento che le stesse sono sotto utilizzate. Nessuna risposta invece su possibile esenzione tasse e proroga aiuti Covid. Non possiamo ritenerci soddisfatti: dall'Ue ci aspettiamo più!» hanno rimarcato gli esponenti del Carroccio.
  • allevamento
Altri contenuti a tema
Lattiero-caseario, siglato protocollo d'intesa per valorizzare il settore Lattiero-caseario, siglato protocollo d'intesa per valorizzare il settore Soddisfazione dalle associazioni di categoria: "Ora agire nell'interesse dell'intera filiera"
© 2001-2022 TrinitapoliViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
TrinitapoliViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.